079 601 4567 | Aperti lun. ven. 09:00 – 13:30 | 14:00 – 19:00 info@mutuopratico.it

Mutuo Prima Casa

Come prendere il mutuo per l’acquisto della prima casa a Sassari

Se sei arrivato su questa pagina significa che hai deciso di acquistare la tua prima casa e, come chiunque si avvicini per la prima volta a questo mondo, probabilmente stai trovando alcune difficoltà a capire come funzionano i mutui, quale sia il prodotto migliore a cui affidarsi, quale banca scegliere, se sia meglio il tasso fisso o quello variabile e così via.

Sei nel posto giusto. In questa pagina ho sintetizzato le informazioni di cui hai bisogno per iniziare a farti un’idea di come funziona il mondo dei mutui per l’acquisto della prima casa e di come puoi accedervi.

Quello che ti consiglio di fare è quindi di leggere tutto fino alla fine, sono sicuro che troverai ciò che stai cercando. Ad ogni modo, la soluzione migliore per evitare di fare errori ed ottenere il massimo beneficio offerto dal mercato, è quella di rivolgersi ad un esperto di settore.

 

Io mi chiamo Alberto Demurtas e lavoro nel settore dei finanziamenti fin dai primi anni 2000. Sono un collaboratore Credipass (una delle principali società di mediazione creditizia) e il mio lavoro consiste, grazie all’esperienza maturata negli anni, nell’aiutare le persone ad individuare il miglior mutuo in base alla proprie esigenze.

Se vuoi evitare di fare gli errori più comuni nella scelta del mutuo ed individuare fin da subito il mutuo migliore per la tua situazione – senza perder tempo a fare mille preventivi da una banca all’altra – contattami per una consulenza ed una valutazione di fattibilità gratuita e senza impegno.

Hai Bisogno di Ristrutturare Casa?
Se hai intenzione di acquistare una casa che necessita di ristrutturazioni, esistono degli ottimi prodotti bancari adatti a questa esigenza.

In più, con lo scopo di sbloccare il mercato immobiliare, nel 2013 è stato siglato un accordo tra l’ABI – Associazione Banche Italiane – e la Cassa Depositi e Prestiti, che ha dato vita al Plafond Casa.

Si tratta di fondi finalizzati all’erogazione di mutui agevolati per la ristrutturazione degli immobili e, in parte, all’acquisto di obbligazioni bancarie, ma comunque finalizzate ai mutui residenziali.

Se invece sei già in possesso di un immobile e desideri ristrutturarlo, puoi richiedere un Mutuo Di Ristrutturazione.

Come i mutui di acquisto, anche queste soluzioni di finanziamento prevedono che venga dichiarata la finalità del mutuo, cosa che non avviene invece con il Mutuo di Liquidità, che può essere richiesto senza vincoli sull’utilizzo finale.

Molti istituti di credito concedono tassi di interesse piuttosto contenuti per chi vuole usufruire di questo tipo di prodotto.

I mutui di ristrutturazione consentono dunque di ottenere liquidità per far fronte alle spese di ristrutturazione e di manutenzione ordinaria o straordinaria.

Per ottenere un Mutuo di Ristrutturazione sarà necessario fornire tutta la documentazione dettagliata che certifichi gli interventi da eseguire e l’ammontare previsto.

È sicuramente un mutuo che richiede un po’ di attenzione e di esperienza in più da parte di chi gestisce la pratica, in quanto esistono moltissimi prodotti differenti ed è bene fare attenzione su dove far ricadere la scelta.

Se vuoi ricevere una consulenza gratuita per la Richiesta di un Mutuo per Ristrutturazione o di Acquisto e Ristrutturazione, puoi contattarci mediante i dati a fondo pagina.

Ovviamente chi richiede il Mutuo dovrà soddisfare i requisiti richiesti dalle banche, indicati di seguito.

Requisiti per accedere al mutuo prima casa

Chi richiede un mutuo per l’acquisto della prima casa deve soddisfare alcuni requisiti, sia per usufruire delle agevolazioni fiscali di cui abbiamo parlato prima, sia per ottenere il finanziamento dalla banca.

Requisiti per le agevolazioni fiscali:

1) Il richiedente non deve essere proprietario – unico o in comunione con altre persone – di altri immobili (altrimenti parliamo di mutuo “seconda casa”), salvo per quanto esposto al punto 6

2) Il richiedente deve essere una persona fisica (quindi non un’azienda per intenderci)

3) Il richiedente può essere di nazionalità Italiana o anche straniera, purché abbia la residenza in Italia.

4) Il richiedente può anche essere proprietario di un’altro immobile, purché non abbia usufruito delle agevolazioni fiscali per l’acquisto dello stesso

5) Il richiedente può richiedere un mutuo prima casa – e quindi le agevolazioni che ne derivano – per l’acquisto di un immobile situato all’interno del comune in cui ha la residenza, ma non è obbligato a viverci.

Significa che, nel caso il richiedente sia già proprietario di un immobile acquistato senza usufruire delle agevolazioni fiscali, ne potrà usufruire per l’acquisto di quella che per lui sarebbe una seconda casa.

6) C’è una variante importante a tutto questo. Ovvero esiste un caso in cui è possibile usufruire più volte degli sgravi fiscali per l’acquisto della casa, anche se non si tratta esattamente di prima casa. Ad esempio in caso di trasferimento per questioni lavorative.

Mi spiego meglio:

Ipotizziamo di aver acquistato un appartamento e per questioni di lavoro siamo stati costretti a trasferirsi in un’altro comune. In questo caso è possibile usufruire nuovamente delle agevolazioni fiscali per l’acquisto di una nuova abitazione, che sarebbe considerata, ai fini fiscali, ancora come prima casa.

Quello di cui stiamo parlando in questo punto specifico, è inerente solamente alle agevolazioni fiscali riguardanti l’acquisto. Questo tipo di operazione è sicuramente molto delicata e andrebbe valutata con calma e attenzione.

Contattaci per una consulenza gratuita e senza impegno, ti forniremo tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Requisiti per ottenere il mutuo dalla banca:

Come si può immaginare le banche prestano mota attenzione nel concedere mutui.

Prima di erogare un finanziamento, le banche conducono un’attenta analisi sul richiedente, al fine di assicurarsi che quest’ultimo sia effettivamente nelle condizioni di adempiere ai propri impegni.

Ogni banca utilizza parametri basilari (uguali in tutte le banche) e parametri differenti (significa che per alcune banche determinati requisiti sono più o meno importanti di altri).

Prima di richiedere un mutuo è importante dunque individuare quale, tra le tante banche sul mercato, potrebbe essere maggiormente disposta ad erogare un mutuo in relazione alla tua specifica situazione (economica, lavorativa ecc.).

Individuare a priori l’istituto di credito più adatto alle proprie esigenze, è fondamentale per:

  • ridurre i tempi di accesso al credito
  • ottenere migliori condizioni economiche
  • ridurre il rischio di veder negata la propria richiesta

L’analisi preliminare della fattibilità della pratica è un passaggio fondamentale perché, se ben fatta, faciliterà l’accesso al credito.

L’assenza dell’analisi può portare a svariate situazioni negative:

  • respingimento della pratica
  • ottenimento parziale dell’importo richiesto
  • allungamento dei tempi di lavorazione della propria richiesta
  • segnalazione di “rifiuto” presso le principali banche dati (crif, experian, ctc) che potrebbero compromettere eventuali altre richieste.

Ecco perché è importante rivolgersi a un esperto del settore, PRIMA di chiedere un finanziamento. Se hai bisogno di un aiuto per questa valutazione, noi siamo a tua disposizione, contattaci dal modulo in fondo alla pagina.

Ma quali sono i requisiti principali per accedere al mutuo?

  • Il richiedente deve essere residente in Italia
  • Il richiedente può essere cittadino di una qualsiasi nazione della comunità europea
  • Il richiedente può essere straniero (anche non membro della CEE) ma con residenza Italiana.
  • Il richiedente deve essere maggiorenne (quindi deve aver compiuto 18 anni)
  • Il richiedente non deve superare l’età massima indicata dalla banca (questo è uno dei dati che cambia a seconda della banca in cui si richiede il mutuo)
  • Il richiedente deve avere un redditto dimostrabile. Può essere un dipendente pubblico o privato, pensionato o un lavoratore autonomo.
  • Il richiedente deve dimostrare di essere una persona “affidabile.

Esistono registri di controllo (i più importanti di tutti sono il  Crif e la CR – gestito dalla banca d’Italia) dove vengono archiviati i dati di chi ha usufruito di finanziamenti di qualsiasi genere.All’interno di tali registri viene tenuta traccia dell’andamento dei pagamenti, perciò un “cattivo pagatore” (cioè chi non paga le rate regolarmente) viene facilmente individuato dagli istituti di credito che negano, ovviamente, il nuovo finanziamento.

A tal proposito sarebbe opportuno quindi fare un controllo sul proprio storico creditizio prima di chiedere un finanziamento, per avere conferma di possedere i requisiti personali richiesti dalle banche per accedere al credito.

Puoi verificare tali informazioni registrate a tuo nome contattando direttamente le varie società che gestiscono le informazioni creditizie tramite i loro siti ufficiali.

Se non sai come farlo, puoi chiedere a noi di farlo per te, è sufficiente contattarci mediante il box a fondo pagina.

Costo notaio per l’acquisto della prima casa

Una delle domande che più spesso ci viene posta è sicuramente quella di seguito: ma quanto costa l’atto notarile per l’acquisto della prima casa?

Innanzitutto bisogna precisare che la parcella notarile di per se, è un costo che può variare da studio a studio, in base alle singole politiche commerciali interne, pur mantenendo una media nazionale costante. In sostanza è il notaio che sceglie quanto farsi pagare per il lavoro, non esiste un listino nazionale al quale rifarsi.

Ciò che invece possiamo calcolare è tutto ciò che va aggiunto agli oneri notarili, ovvero i costi fissi, che ora ti spiegherò come calcolare.

Per effettuare il calcolo in maniera corretta occorrono i seguenti dati:

  • Costo dell’immobile – l’importo che verrà inserito nell’atto
  • L’importo del mutuo richiesto – può essere diverso dal costo d’acquisto (spesso si richiede sol l’80% del costo dell’abitazione)
  • Valore catastale dell’immobile – tra un attimo vedremo come calcolarlo partendo dalla reddita catastale
  • Chi è il venditore – privato o impresa/costruttore
  • Tipo di immobile acquistato – prima o seconda casa
  • L’onorario notarile – che come spiegato prima varia da notaio a notaio.

Partiamo da un esempio: ipotizziamo l’acquisto di una prima casa del valore di 100.000€ con richiesta di mutuo di 80.000€

In questo caso gli atti notarili saranno due, uno relativo alla compravendita ed uno relativo all’atto di mutuo.

Calcolo costo compravendita (esempio)

I dati (per l’esempio):

  • Tipo immobile: prima casa
  • Venditore: privato
  • Valore catastale: 37.653€

Come si calcola il valore catastale:

  1. In caso di prima casa, per ottenere il valore catastale bisogna moltiplicare la rendita catastale per 115,5 (nel nostro esempio abbiamo ipotizzato una rendita catastale di € 326, moltiplicata per il coefficiente 115,5 = 37.653).
  2. In caso di seconda casa, va invece moltiplicato per 126 (nel nostro esempio sarebbe quindi di €326 X 126 = 41.076).

Costi fissi relativi alla compravendita:

  • Calcolo imposta di registro prima casa: valore catastale X 2%  = 753,06  (l’abbiamo ottenuta così: 37.653 X2%)
  • Imposta catastale fissa per acquisto da privato: 50€
  • Onorario notarile stimato su media nazionale: 1600€

Totale atto di compravendita: 2403€

Calcolo costo atto di mutuo (esempio)

  • Calcolo imposta di registro prima casa: importo mutuo X 0,25%  = 200€  (l’abbiamo ottenuta così: importo mutuo 80.000 X 0,25% = 200)
  • Costo ipotecario fisso per acquisto da privato: 50€
  • Onorario notarile stimato su media nazionale: 1700€

Totale atto di mutuo: 1950€

Costi totali dell’operazione: €4353

Nel nostro esempio abbiamo ipotizzato l’acquisto da privato. In caso di acquisto da impresa/costruttore, sia il valore ipotecario (50€) che l’imposta catastale (50€) devono essere sostituiti con un valore di 200€.

Se qualcosa non è chiaro o vuoi ricevere assistenza per la richiesta del tuo mutuo, puoi contattarci mediante i dati a fondo pagina (clicca qui).


È da sottolineare che l’imposta di registro è una spesa che non va corrisposta al momento dell’atto, ma viene detratta al momento dell’erogazione del mutuo dalla banca stessa. Abbiamo voluto inserirla in questo esempio per aiutarti a calcolare i costi complessivi che dovrai affrontare con l’acquisto della prima casa.

Come ottenere il mutuo per l’acquisto della prima casa

A questo punto dovresti esserti fatto un’idea di quali sono i requisiti per richiedere e ottenere un mutuo.

Come avrai capito, per essere più sicuri di accedere al mutuo è opportuno individuare la banca che con maggior probabilità potrebbe accettare di erogare un mutuo nei tuoi confronti.

Io mi occupo proprio di questo e ho ideato il Metodo MutuoPratico per semplificare al richiedente tutta la procedura di richiesta mutuo.

Quello che faccio esattamente consiste nell’individuare in base alla tua posizione lavorativa, al tuo redditto mensile, al tipo di immobile che desideri acquistare, il mutuo più adeguato alle tue esigenze.

Inoltre, grazie alla mia collaborazione con Credipasss (uno dei più importanti istituti di mediazione creditizia), ho la possibilità di rivolgermi a più di 24 istituti di credito ed offrire al cliente le stesse condizioni economiche che riceverebbe rivolgendosi direttamente alla banca, offrendo così con un’unica consulenza una visione completa di ciò che offre il “mercato” dei mutui.

In più, grazie ai nostri servizi, riusciremo ad alleggerire il peso burocratico legato alla richiesta del finanziamento.

Contattaci per una valutazione di fattibilità ed un preventivo gratuito senza impegno. Ti aiuteremo ad ottenere il tuo mutuo. Compila ora il box qui sotto.

Contattaci subito per una consulenza gratuita e senza impegno

Richiedi una consulenza gratuita senza impegno

Dove siamo

Mutuo Pratico

Ci troviamo nella zona della motorizzazione civile, all'interno dello stabile ex Brico Sarda.

Raggiungi il portone a destra e poi prendi le scale o l'ascensore per raggiungere il primo piano.

Via Marcello Lelli 55, 07100 Sassari (SS)
(ex stabile Brico Sarda)




Chiama Ora: 079 601 4567